A Southern Horror {2 CDs}

“Javi Garcia is savagely independent...with a cold and bitter hammer. Compelled to strip awayedifice to reveal a blatant truth... Reaching and lost...thirsty and desperately viscious...Naive but passion soaked. For some it takes the darkness to see the light... A NEW DAY is coming... ...and it will be born of a RECKLESS and VIOLENT night.”

…mai presentazione potrebbe essere più evocativa ed altrettanto vera!!!

“A Southern Horror” è lo sconvolgente e traumatico debutto di Javi Garcia & Cold Cold Ground; un pugno in pancia ben assestato, di quelli che ti fanno sputare sangue ma che tuttavia hanno il pregio di sbatterti in faccia come stanno le cose e farti ricordare di essere ancora al mondo in qualche modo e per qualche inevitabile motivo!
Sarebbe fin troppo facile scomodare assonanze e paragoni con nomi come Drive By Truckers, Chris Knight o Ryan Bingham ma, anche dove l’intento non è certo quello di ricercare qualcosa di nuovo sotto il cielo del rock’n’roll, qui suona tutto tremendamente fresco ed inspiegabilmente catartico; in ogni caso, quello che è sicuro è che non dovete aspettarvi una boccata di aria pulita perché qui il puzzo brutale dell’onestà e della passione con la quale Javi Garcia si confronta vi ribalterà lo stomaco sottosopra! Testi espliciti e diretti che affrontano con sconcertante realismo amore, morte, fede e speranza e che cercano redenzione in un sound crudo e istintivo spingendo le chitarre nei territori più selvaggi, scuri e notturni del country, del blues e del southern rock!
Tutto è già abbastanza chiaro fin dall’apertura di “Comal County River” dove i soprusi e gli abusi di un padre vengono lavati nel sangue e nella quale la band ospita in studio il leggendario Master della Telecaster Redd Volkaert e Brady Black, fenomeno della Randy Rogers Band, al fiddle a confezionare una ballad dagli accenni country che blocca il respiro in partenza per poi rovesciarsi nelle sferzate rock di una sulfurea “Voodoo Queen” al termine della quale siamo già posseduti; la disperazione di “God And Country”, spaccato reale di un’America nella quale accettare di arruolarsi in guerra diventa unica soluzione per estinguere debiti e sfamare i figli, tiene il passo verso una “Lose Control” dove la fame, la sete e l’angoscia di portare a casa il giorno non mollano la presa e diventano quasi un manifesto del romanticismo del rock’n’roll quando Garcia canta…“ho provato a vendere la mia band in tutta la nazione ma nessuno di questi codardi ha voluto offrirci una serata…i pozzi si sono ormai prosciugati e ho bisogno di mettere del cibo nel mio piatto, dobbiamo parlare adesso signore perché questo non può apettare…ho incontrato molte persone e ascoltato un sacco di gruppi, tutti hanno da mangiare e soldi in mano mentre io rimango a guardare come un cane in strada che lotta per ogni morso che riesce a buttare giù”.
“Black Tambourine” è un esercizio che richiama i migliori Rolling Stones con le sue allusioni diaboliche e sessuali mentre “Blame Me” è un’altra splendida ballata che ci introduce al sapore country/bluegrass di “As Wicked As You” in perfetto Texas-style omaggiando l’influenza di un certo Steve Earle; con “Isabelle” ci perdiamo in un rarefatto shuffle vestito da ballad per raccontare i risultati strazianti di un tradimento (“chi avrebbe immaginato che avrei dovuto farti un buco nel petto per vedere se hai mai avuto un cuore…spero tu sia felice quando seppellirò anche lui nella tua tomba”); il rockaccio di “Waking Snakes” ci porta dritti verso il duetto con il guru Mike McClure in “Weight Of The Gun” dal testo piuttosto forte e controverso dove la prospettiva di un poliziotto sulla propria mission si riassumono in passaggi come “il peso del tuo mondo si misura in tonnellate ma l’unità di misura è il peso della mia pistola…tutti abbiamo incontrato il diavolo, io l’ho solo preso per mano e tutto quello che mi ha offerto è stato una pistola ed un distintivo”; l’album si chiude con l’up-tempo di “Flood” ma non finisce qui perché con “A Southern Horror” troviamo allegato un EP di 5 brani registrati nel 2008 con il titolo di “Madly In Anger” che aggiunge carne al fuoco regalandoci altre piccole perle sofferenti e laceranti come “The Pills”, “14 Days” e “Needles & Thread” a suggellare un lavoro imprescindibile!
Javi Garcia, di New Braunfels, Texas (solo un caso?), conferma l’estrema urgenza di queste registrazioni precisando di avere suonato live in studio in pochissimi giorni, cinque per l’album e appena due per l’EP allegato.
Non chiedeteci inutili voti o sterili stelle di giudizio perché da queste parti non funziona così e “A Southern Horror”, che vi piaccia o no, è uno dei dischi fondamentali dell’anno ed entra con violenza nella lista degli album favoriti del 2010 di Lonestartime! Abbiate pure il timore di confrontarvi con dischi come questo ma non trovare il coraggio di avvicinarsi al mondo di Javi Garcia & Cold Cold Ground vi renderebbe vigliacchi due volte!!!

"Javi Garcia is pure talent and guts. His songs are gritty and come at the listener like a breath of pure reality and life. He is wise far beyond his years". - Americana Music Times

“Javi Garcia is a true artist in every sense of the word. he's got a cool voice that needs to be heard.” - Mike Mcclure

"If Javi Garcia's songs don't stir you, you had better check your pulse. You may be dead. You can't "not listen" when Javi is singing. It's not background music." - Kent Finlay

"Javi Garcia's music is as fresh as the cry of a newborn baby and as real as the yelp of a dog you just hit with your car. either way, there's blood at the scene, but you know something life changing has just occurred. Madly in Anger signals the beginning of the long-awaited depussification of texas music" - Steve Circeo, www.t4tx.xom

“Javi Garcia pairs earthly lyrical grit, with rock swagger that announces to all within earshot that he is a new kind of musical force to be reckoned with.” - Drew Kennedy

“If substance has been lost in local rock ‘n’ roll talent, it can be found in Javi Garcia and The Cold Cold Ground. Songwriting is seldom this whole -hearted, and their ability to play the blues truly defines raw emotion. A subtle style of pain and anger is the niche for Javi Garcia and his band and it serves them well. But do not be mistaken, their music shows great direction in a presently mixed up music scene. This New Braunfels,TX group has got it together and may be taking the forms we know as rock and blues at a new angle that they deserve” - Ben Grimm, KTSW 89.9FM

"Javi Garcia is unique, which is the best compliment I can pay him...or any musician for that matter. Really hip singer/songwriter." - Tj McFarland

"Javi Garcia is going to rip the F@*ing face off of "Texas music" as we know it" - Hank T. Moon, KRPT 92.5FM "The Outlaw”


http://www.TheColdColdGround.com
http://www.twitter.com/coldcoldground
http://www.myspace.com/JaviGarciaMusic
http://www.revebnation.com/JaviGarcia



1 commenti:

Charlie Buckaroo ha detto...

Veramente un gran bel disco con una recensione degna di nota.
peccato che il sito non sia aggiornato come si deve,siamo ad Agosto inoltrato e nel frattempo JAVI GARCIA Ha stampato un nuovo disco Uscito 9 Aprile 2013 "Javi Garcia - The Great Controversy" texano verace e talentuoso Songwriter Ascoltatelo in NIGHTFALL o JOSEPHIN ma spatutto fatelo vostro con l'acquisto non vi pentirete.
(BUCKAROO)

http://www.youtube.com/watch?v=Bm65frc0wtA

Posta un commento

Iscriviti alla newsletter